La chiropratica, tutto quello che devi sapere

Una disciplina medica molto diffusa è la chiropratica. Pur non essendo riconosciuta dalla scienza ufficiale, poichè le analisi condotte con metodo scientifico sulla medesima non hanno dato risultati tangibili e significativi, la chiropratica rimane comunque una delle medicine alternative più utilizzate. Ma è davvero efficace o si tratta di un grosso effetto placebo?

Innanzi tutto bisogna comprendere cosa sostiene e come funziona questa particolare disciplina. Essa si basa sul concetto che il sistema nervoso dell’essere umano sia in grado di influenzare tutti gli altri sistemi del corpo e quindi, con la giusta manipolazione, sia possibile risolvere molti problemi, sopratutto legati alle regioni muscolo-scheletriche.

La chiropratica sostiene di poter curare oltre 250 tipi di disturbi con circa un centinaio di tecniche di manipolazione, molte delle quali prevedono un’ azione mirata sulla colonna vertebrale che come sappiamo contiene gran parte dei fasci nervosi.

Di norma la Chiropratica non viene ritenuta una disciplina pericolosa se eseguita da esperti, ricordiamo infatti che in alcuni paesi esistono addirittura corsi di laurea (i cui attestati vengono riconosciuti anche in Italia e permettono l’apertura di una vera e propria attività), ma bisogna comunque fare sempre molta attenzione a chi ci si rivolge.

Una manipolazione errata potrebbe portare anche a gravi conseguenze che potrebbero richiedere addirittura interventi chirurgici. Inoltre non è possibile sottoporsi alla chiropratica se si soffre di specifiche malattie, che ogni professionista del settore serio si premunirà comunque di elencarvi nel dettaglio.

Pur non avendo un riscontro scientifico obiettivo su tutti i benefici che sostiene di portare, questa disciplina ha una buona valenza in ambito del trattamento del dolore muscolare o scheletrico di alcune zone specifiche.

Se volete provare il nostro consiglio è quindi quello di rivolgervi a professionisti riconosciuti ed abilitati per svolgere questa attività in Italia, ricordate che c’è sempre in gioco la vostra salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *